Sistemi di marcatura industriale

di Giorgio Davanzo

Scegliere il miglior sistema di marcatura prodotti è un'operazione che deve tener conto di diversi fattori.

sistemi di marcatura

Le informazioni indicate sul prodotto dovrebbero superare indenni diverse situazioni usuranti per permettere all'utente di verificare i dati di targa ed usufruire dei servizi post vendita disponibili.

Il miglior sistema di marcatura

Teoricamente il miglior sistema di marcatura è quello eterno, o comunque quello che mantiene leggibili le scritte per tutta la vita del prodotto.
Spesso gli ambienti di utilizzo/lavoro sottopongono la marcatura a diverse sollecitazioni.
Abrasione, sbalzi di temperatura elevati oppure oli e solventi possono cancellare o rendere la marcatura illeggibile.
Serve quindi trovare il sistema che permetta, come previsto dalle normative, di mantenere leggibili le informazioni obbligatorie, sia quando la marcatura viene effettuata direttamente sul prodotto (Direct Part Marking) che quando venga applicata tramite un'etichetta.

Direct Part Marking (DPM)

Il Direct Part Marking o marcatura sul prodotto permette la realizzazione di marcature permanenti e antieffrazione direttamente sulla superficie del prodotto o della confezione.
A seconda delle necessità si può optare tra una super veloce stampa a getto d'inchiostro o un'indistruttibile incisione (laser o micropercussione/graffio).
Questo sistema, alternativo all'utilizzo di etichette autoadesive, permette di realizzare marcature permanenti indistruttibili ed antieffrazione.


Se la marcatura viene effettuata al momento, in una fase della produzione o durante il confezionamento, si parla di marcatura su richiesta (on demand).

Marcatura on demand

Dal settore alimentare, farmaceutico o industriale è spesso obbligatorio specificare informazioni utili al corretto utilizzo o alla tracciabilità del prodotto.
Data di produzione, data di scadenza o numero di serie sono informazioni che costringono ad includere la realizzazione della marcatura nel processo produttivo di ogni singolo lotto di produzione o articolo.
Macchinari in linea, a banco o portatili permettono, tramite apposito software, di personalizzare le stampe in base alle necessità.

Sistemi di marcatura prodotti

I metodi di marcatura industriale "on demand" si possono suddividere in marcatura ad incisione e stampa.

Marcatura ad incisione

Adatti ad essere realizzati su materiali plastici o metallici, si possono suddividere in due categorie: micropercussione/graffio e laser.
La tipologia micropercussione/graffio utilizza punte particolarmente resistenti in carburo di tungsteno o diamante.

Marcatura a micropercussione (a micropunti)

marcatura micropercussione Una marcatura effettuata tramite il sistema a micropercussione è costituita da una serie di punti affiancati che formano il carattere o il disegno.
Per i prodotti pesanti o voluminosi, un marcatore a micropercussione portatile può rappresentare la soluzione di marcatura ideale.
Occorre tener presente che il continuo colpire della punta su componenti risonanti può risultare particolarmente rumoroso.

Marcatura a graffio

marcatura graffio La marcatura a graffio viene ottenuta tramite lo scorrimento forzato della punta sulla superficie metallica o plastica.
E' un processo silenzioso che genera delle marcature nette, definite e profonde.

Il prezzo di un marcatore a percussione portatile può partire da 5.000 euro; garantisce una permanenza superiore a tutti gli altri sistemi.

Marcatura laser

La marcatura laser è il miglior sistema di incisione senza contatto. marcatura laser Silenzioso e veloce, il laser permette di realizzare marcature ad elevate risoluzioni su qualsiasi tipo di materiale.
In base all'intensità del raggio e al tempo di esposizione è possibile realizzare marcature più o meno profonde e definite.
I marcatori laser in commercio, i cui costi sono sempre più accessibili, utilizzano diverse tecnologie tra cui fibra ottica, CO2, laser verde, YAG, che permettono di ottenere risultati specifici.

La più economica testa di marcatura laser costa oggi intorno ai 5.000 euro; permette di realizzare stampe ad alta risoluzione, e resistenti a qualsiasi ambiente.

Marcatura tramite stampa

Adatta a qualsiasi materiale, la stampa si realizza depositando sulla superficie sostanze coloranti disposte in modo da formare testi e immagini.
Le stampe possono essere effettuate direttamente sul prodotto tramite marcatori in linea, oppure tramite la realizzazione e l'applicazione di etichette autoadesive.

Marcatori Ink Jet

I marcatori industriali a getto d'inchiostro si dividono in due macro categorie:
- marcatura a microcarattere (CIJ - Continuous Ink Jet)
- marcatura a macrocarattere (DOD - Drop On Demand)

Marcatori CIJ (microcarattere)

Il sistema a getto continuo di inchiostro (CIJ - Continuous Ink Jet) anche detto "a microcarattere", adatto a produzioni in linea è il sistema più utilizzato ad esempio per le indicazioni delle date di scadenza nel settore alimentare. marcatura CIJ Da un flusso continuo di gocce di inchiostro vengono deviate alcune singole gocce che escono dal circuito andando a depositarsi sulla superficie.
Allontanando la testa di stampa la scritta viene proporzionalmente ingrandita.
Si può stampare su superfici irregolari oppure curve (come i cavi elettrici anche di sezione ridotta). L'altezza del carattere di una singola riga può variare tra i 1,5 e i 12 millimetri.
Queste stampanti, pensate per cicli di lavoro continuativi, utilizzano solitamente un inchiostro e un solvente.
La macchina, miscelando i liquidi dei due serbatoi, regola continuamente la fluidità dell'inchiostro in modo che sia utilizzabile dalla testa di stampa.
Oltre alla spesa iniziale che può aggirarsi intorno ai 6.000 euro, bisogna considerare i costi di manutenzione periodica che serve a mantenere calibrato il complesso sistema di funzionamento di questi dispositivi.

Marcatori DOD (macrocarattere)

Il sistema Drop On Demand (DOD) anche detto "a macrocarattere", permette di stampare scritte o immagini di grandi dimensioni ad alta risoluzione su superfici piane. marcatura DOD Il funzionamento è simile a quello di una comune stampante a getto d'inchiostro ma con caratteristiche industriali.
I marcatori DOD sono particolarmente adatti a stampare su superfici porose come carta e cartone.
Utilizzando più teste di stampa è possibile ottenere stampe di grandi dimensioni, elevate risoluzioni monocromatiche o a colori.
La risoluzione di ogni singola testa di stampa è determinata dal numero degli ugelli.
L'unico materiale di consumo è l'inchiostro già pronto che può essere contenuto in serbatoi ad alta capacità (2 - 5 litri o più).
Data la semplicità del sistema, queste marcatrici non richiedono manutenzione specializzata.
Il miglioramento tecnologico sta portando i sistemi DOD ad essere equiparabili ai sistemi CIJ sia per velocità di stampa che per distanza della testa dall'oggetto.


Stampa etichette

Stampare direttamente sul prodotto può essere impegnativo e difficilmente realizzabile soprattutto nel caso di prodotti voluminosi o assemblati.
In questi casi la soluzione migliore è l'applicazione di un'etichetta generata con stampanti industriali.